Articles

‘Più stressante che mai’: Le ammissioni dell’era della pandemia preoccupano i candidati di Harvard e i consulenti per le ammissioni al college

Posted on

I candidati alla classe 2025 di Harvard devono fare i conti con una pandemia in corso che ha limitato l’accesso ai test standardizzati, interrotto le attività extracurricolari e, per molti, alterato gravemente il loro ultimo anno di scuola superiore.

Meno di due settimane dopo che il College ha sfrattato la maggior parte degli studenti dagli alloggi del campus a marzo, il dipartimento di ammissione ha emesso una guida per i maturandi di allora che non sarebbero stati penalizzati per non aver presentato i punteggi dei test di Advanced Placement e SAT.

Alla luce della crescente chiusura dei siti di test in tutto il paese e della cancellazione dei test, l’ufficio ammissioni di Harvard ha aggiornato la sua guida a giugno e ha annunciato che non avrebbe richiesto ai candidati della classe 2025 di presentare alcun punteggio dei test standardizzati per essere considerati per l’ammissione. Da allora, ogni istituzione della Ivy League ha adottato politiche di test opzionali per il ciclo di ammissioni di quest’anno.

Con la stagione delle domande di ammissione al college in pieno svolgimento durante una pandemia in corso, i maturandi delle scuole superiori che fanno domanda per la Classe del 2025 hanno ancora detto di sentirsi incerti e preoccupati per queste politiche riviste per il prossimo ciclo di domande di Harvard e le loro prospettive di ammissione.

‘Una grande differenza’

La pandemia ha limitato le opportunità dei maturandi di esplorare i college e ha costretto altri a spostare le loro priorità nel decidere la loro casa per i prossimi quattro anni. Molti hanno perso l’opportunità di visitare le opzioni del college di persona.

L’ex ufficiale di ammissione dell’Università della Virginia e consulente del college Parke Muth, ha detto che le versioni remote di esplorare il campus offrono un’esperienza molto diversa ai futuri studenti.

“Durante la primavera, l’estate e l’autunno, in genere, i gruppi di visita sono pieni di famiglie e studenti che vengono nel campus per avere un’idea della scuola. Ora, ci sono tour online, a distanza e sessioni informative”, ha detto Muth. “

Per alcuni candidati, tuttavia, valutare se si sarebbero adattati ad Harvard è venuto solo da esperienze pre-pandemiche. Ricky Andrade, un nativo di Key Biscayne, Fla. e studente dell’ultimo anno di liceo che sta pianificando di applicare l’early action al College, ha detto che è stato fortunato ad aver avuto la possibilità di vedere il campus da solo prima della stagione delle domande.

Pubblicità

“Sono fortunato che mia sorella ci sia andata, perché questo significa che sono andato ad Harvard e ho avuto un senso della comunità, che è qualcosa che non posso dire – non solo per altre persone che stanno per applicare ad Harvard – ma per me stesso con altre scuole”, ha detto Andrade. “

Altri come Erica S. Choe, una liceale di Fort Lee, N.J., che prevede di fare domanda ad Harvard durante il normale round decisionale, hanno detto che la pandemia l’ha costretta a riconsiderare dove vuole frequentare.

“La distanza non è mai stata un fattore fino alla pandemia. Ora ne sono più consapevole. Quindi, a causa di questo, ho tolto alcune scuole dalla mia lista”, ha detto Choe. “La California era una specie di pro per me, ma ora la posizione geografica è scesa nella mia lista di priorità e fattori per quando sto considerando una scuola.”

Al tempo stesso, Choe ha detto che crede che l’impatto economico della pandemia le abbia fatto pesare fattori come il costo della frequenza e gli aiuti finanziari più pesantemente di quanto non facesse prima.

“L’accessibilità finanziaria e quello che possono darmi in termini di aiuti finanziari è aumentato molto, perché la mia famiglia ha subito un duro colpo a causa della pandemia in termini della nostra azienda di famiglia”, ha detto.

‘What if It’s Not Good Enough?’

Nonostante gli sforzi di flessibilità dei college, alcuni studenti dell’ultimo anno di liceo dicono di essere ancora stressati per i loro punteggi dei test e per come mostrare al meglio le attività estive interrotte e le attività extracurricolari nelle loro applicazioni.

Con la decisione del College di diventare test-optional per il ciclo di applicazione di quest’anno, alcuni candidati hanno detto di dover considerare se presentare o meno i loro punteggi. Andrade ha detto che ha intenzione di presentare i suoi punteggi del test, ma si è sentito combattuto sulla sua scelta.

“Stavo pensando di rifare l’ACT. Alla fine della giornata, ho deciso che il punteggio che avevo era abbastanza buono da non aver bisogno di rifarlo e quindi ero soddisfatto”, ha detto Andrade. “Ma ricordo che ho avuto molta paura per molto tempo, pensando: ‘E se non fosse abbastanza buono? Ci sono voluti mesi di discussioni con il mio consulente e i miei genitori per decidere.”

Choe ha detto che non era soddisfatta della somministrazione dei test Advanced Placement la scorsa primavera, data la sua mancanza di accesso al Wi-Fi di qualità.

Advertisement

“Ho finito per ottenere un punteggio di cui non ero molto felice e non credo che sarebbe stato rappresentativo del mio punteggio se lo avessimo fatto in un ambiente normale”, ha detto Choe.

Zak M. Harris, un ex direttore dell’ammissione al Regis College che ora lavora con il gruppo di consulenza InGenius Prep, ha detto che gli studenti e le loro famiglie non dovrebbero vedere i test come una “fine di tutto.”

“Quando stavo difendendo gli studenti, non si è mai arrivati a, beh, questo ragazzo ha un 1540, e questo ragazzo ha un 1480,” Harris ha detto del suo tempo nelle ammissioni. “

Oltre ai test standardizzati, la pandemia ha anche ostacolato le opportunità estive e le attività extracurricolari di molti potenziali candidati.

Jessica J. Lee, una residente di Leonia, N.J., che ha detto che farà domanda ad Harvard durante il round di early action, ha lamentato la perdita della sua stagione di calcio senior, che è stata cancellata due settimane fa. Lee ha anche detto che la sua posizione estiva al Research Science Institute non è stata un’esperienza altrettanto soddisfacente in un formato virtuale.

Kelvin Kuang, un potenziale candidato di Washington, D.C., ha detto che la pandemia ha drammaticamente alterato i suoi piani estivi e la sua partecipazione extrascolastica.

“I miei genitori si sono trovati senza lavoro, così io, e i miei fratelli, abbiamo deciso di uscire e cercare un lavoro”, ha detto Kuang. “

Kuang ha anche detto di aver perso un posto di ricerca in un programma estivo del MIT che è stato cancellato a causa della pandemia.

Guardando avanti

Molti candidati della classe 2025 e consulenti per le domande di ammissione stanno speculando sulle implicazioni a breve termine della pandemia sulle ammissioni al college.

Avviso

Almeno 340 studenti che rappresentano più del 20% della Classe 2024 hanno rinviato l’iscrizione, un aumento significativo dai 90 ai 130 studenti che lo fanno in un anno tipico, secondo il sito web del College.

Andrade ha detto che crede che il numero di studenti che hanno rinviato l’iscrizione alla Classe 2025 possa avere un effetto negativo sulle prospettive di ammissione sue e di altri candidati.

“Ci avevo pensato molto, ma è stato lontano dalla mia mente – forse intenzionalmente – recentemente”, ha detto Andrade. “Quelle possibilità saranno più basse, che ci piaccia o no. Non si può fare molto. Non si può creare spazio dal nulla.”

Dopo che Harvard ha annunciato a luglio che le matricole erano l’unica classe completa invitata al campus per l’autunno, il decano associato degli studenti Lauren E. Brandt ’01 ha detto che il College era “consapevole” della tensione abitativa che potrebbe derivare dagli studenti che torneranno dai congedi nei prossimi semestri.

L’esperto di test di ammissione della Bay Area, Jay R. Rosner, ha detto di essere anche preoccupato che l’adozione da parte di molte scuole superiori di standard di valutazione d’emergenza, non nocivi, possa aumentare la pressione su coloro che faranno domanda nei prossimi anni.

“Ora abbiamo questi impatti sui voti dell’ultimo anno. Questo risulta essere un impatto piuttosto importante”, ha detto Rosner. “Per la maggior parte, stiamo ricevendo meno informazioni, e quindi gli studenti devono cercare di essere un po’ più creativi, per generare altri progetti o sforzi di cui possono scrivere e mostrare ai college per dare loro più informazioni.”

Gli esperti di ammissione al college hanno detto che credono che l’impatto della pandemia sul processo di applicazione è ancora sconosciuto, ma probabilmente stimolerà il cambiamento a lungo termine. La pandemia, per esempio, ha messo sotto i riflettori il ruolo dei test standardizzati nelle ammissioni all’istruzione superiore.

Harris ha detto che pensa che un maggiore abbandono dei test standardizzati da parte dei college sia un risultato naturale degli sforzi pre-pandemia per eliminare i requisiti dei test.

“Ci sono molte scuole di alto livello che sono state test-optional per un tempo molto lungo, e i loro studenti stanno avendo grande successo e vanno a fare cose incredibili dentro e fuori il college”, ha detto Harris. “Quindi penso che sarà molto interessante per me vedere come saranno i test tra due, tre, cinque anni e se avranno ancora la morsa che hanno ora sull’intero processo.”

Ancora, nonostante i cambiamenti ai test standardizzati, Rosner ha detto che crede che altri aspetti della domanda per il college potrebbero tornare alla normalità con il tempo.

Advertisement

“Come l’impatto di COVID si ritira, la natura dei voti e delle attività extracurricolari tornerà alla loro risonanza pre-COVID”, ha detto Rosner. “Avrete le informazioni più profonde e più ampie dai voti. Gli ufficiali di ammissione avranno attività extracurricolari da pesare e valutare”‘

Nel frattempo, Muth ha detto che queste maggiori incertezze nei test e nelle ammissioni in generale possono gravare eccessivamente su coloro che stanno navigando le applicazioni da soli.

“Ci sono così tante parti mobili e incognite in questo momento”, ha detto Muth. “Se non hai qualcuno che ha il tempo di parlarti di tutto questo, che sia un consulente, un mentore, un amico o altro, mi sembra più difficile e più stressante che mai.”

-Staff writer Benjamin L. Fu può essere raggiunto a [email protected] Seguilo su Twitter @BenFu_2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *