Articles

Study shows that people with sleep apnea have a high risk of death

Posted on

WESTCHESTER, Ill. – Uno studio nel numero del 1 agosto della rivista Sleep mostra che le persone con grave apnea del sonno hanno un rischio di mortalità molto più alto delle persone senza apnea del sonno, e questo rischio di morte aumenta quando l’apnea del sonno non è trattata.

I risultati mostrano che le persone che hanno una grave apnea del sonno, che comporta frequenti pause di respirazione durante il sonno, hanno tre volte il rischio di morire per qualsiasi causa rispetto alle persone che non hanno apnea del sonno. Questo rischio di apnea del sonno è rappresentato da un hazard ratio aggiustato di 3,2 dopo aver controllato per età, sesso e indice di massa corporea. Quando 126 partecipanti che hanno riferito l’uso regolare della terapia a pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP) sono stati rimossi dall’analisi statistica, l’hazard ratio per la mortalità per tutte le cause legate all’apnea notturna grave è salito a 4,3.

“Abbiamo scoperto che sia gli uomini che le donne con apnea del sonno nella popolazione generale – non i pazienti – per lo più non diagnosticati e non trattati, avevano una sopravvivenza più povera rispetto alle persone senza apnea del sonno, a parità di BMI, età e sesso”, ha detto il ricercatore principale e autore principale Terry Young, PhD, professore di epidemiologia presso l’Università del Wisconsin-Madison.

Secondo Young, la maggior parte degli studi precedenti sull’apnea del sonno e la mortalità hanno coinvolto pazienti riferiti per una valutazione diagnostica clinica del sonno; il rischio di mortalità per l’apnea del sonno nella popolazione generale non è stato precedentemente riportato.

Lo studio è stato un follow-up di 18 anni di 1.522 partecipanti al Wisconsin Sleep Cohort Study, che è stato istituito nel 1988 e ha coinvolto un campione casuale di uomini e donne della comunità che avevano un’età compresa tra 30 e 60 anni quando lo studio è iniziato. Dopo aver trascorso una notte all’University of Wisconsin General Clinical Research Center per la valutazione tramite polisonnografia, i partecipanti sono stati classificati in base all’indice di apnea-ipopnea (AHI), che è il numero medio di pause respiratorie (apnee) e riduzioni (ipopnee) per ora di sonno. Sessantatre individui (circa il quattro per cento) avevano una grave apnea del sonno al basale con un AHI di 30 o più e una gamma di 30 a 97 apnee e ipopnee per ora. Circa il 76 per cento del gruppo di studio (1.157 individui) non aveva apnea del sonno con un AHI inferiore a cinque.

Per lo studio di follow-up, i registri di morte statali e nazionali sono stati rivisti fino al 1 marzo 2008, per identificare i partecipanti che erano morti e per notare le cause di morte elencate sui certificati di morte. Sono stati registrati ottanta decessi, tra cui 37 morti attribuiti al cancro e 25 morti attribuiti a malattie cardiovascolari e ictus.

Circa il 19 per cento dei partecipanti con apnea del sonno grave è morto (12 morti), rispetto a circa il quattro per cento dei partecipanti senza apnea del sonno (46 morti). Anche se i partecipanti con apnea del sonno lieve (AHI da cinque a 14) o moderata (AHI da 15 a 29) avevano un rischio di mortalità che era del 50 per cento maggiore rispetto a quelli senza apnea del sonno, i risultati non hanno raggiunto la significatività statistica.

I rapporti di rischio di mortalità per tutte le cause sono rimasti alti dopo ulteriori aggiustamenti per altri fattori come il fumo, l’uso di alcol, la durata del sonno e il colesterolo totale. L’apnea notturna grave è stata associata a un aumento della mortalità, indipendentemente dal fatto che i partecipanti avessero o meno sonnolenza diurna.

Circa il 42% dei decessi nelle persone con apnea notturna grave (5 su 12 decessi) sono stati attribuiti a malattie cardiovascolari o ictus, rispetto al 26% dei decessi nelle persone senza apnea notturna (12 su 46 decessi). Quando i 126 partecipanti che hanno riferito l’uso regolare di CPAP sono stati rimossi dall’analisi, l’hazard ratio per la mortalità cardiovascolare è salito da 2,9 a 5,2 per le persone con apnea notturna grave. I risultati suggeriscono che l’uso regolare della CPAP può proteggere i pazienti con apnea del sonno contro la morte cardiovascolare.

“Sono stato sorpreso da quanto i rischi sono aumentati quando abbiamo escluso le persone che hanno riferito il trattamento con CPAP”, ha detto Young. “I nostri risultati suggeriscono – ma non possono provare – che le persone con diagnosi di apnea del sonno dovrebbero essere trattate, e se la CPAP è il trattamento prescritto, l’uso regolare può prevenire la morte prematura.”

Gli aggiustamenti statistici mostrano che la pressione alta, le malattie cardiovascolari, l’ictus e il diabete possono giocare un ruolo nell’associazione tra apnea del sonno e mortalità, ma i meccanismi specifici con cui l’apnea del sonno contribuisce alla mortalità rimangono poco chiari.

Lo studio è stato sostenuto da sovvenzioni del National Institutes of Health.

Secondo l’American Academy of Sleep Medicine, l’apnea ostruttiva del sonno (OSA) comporta una diminuzione o un arresto completo del flusso d’aria nonostante uno sforzo continuo per respirare. Si verifica quando i muscoli si rilassano durante il sonno, causando il collasso dei tessuti molli nella parte posteriore della gola e bloccando le vie aeree superiori.

Il trattamento più comune per l’OSA è la terapia CPAP, che fornisce un flusso costante di aria attraverso una maschera che viene indossata durante il sonno. Questo flusso d’aria mantiene le vie aeree aperte per evitare pause nella respirazione e ripristinare i normali livelli di ossigeno.

Sleep è la rivista ufficiale della Associated Professional Sleep Societies, LLC, una joint venture della American Academy of Sleep Medicine e della Sleep Research Society.

Per una copia dello studio, “Sleep-Disordered Breathing and Mortality: Eighteen-Year Follow-Up of the Wisconsin Sleep Cohort,” o per organizzare un’intervista con un portavoce dell’AASM, contattare l’AASM all’indirizzo [email protected]

####

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *